Riapertura in Sicilia ancora in dubbio, Musumeci in conflitto

Riapertura in Sicilia ancora in dubbio, Musumeci in conflitto se anticipare o posticipare la data di mobilità nell’isola

Quello che stanno vivendo in queste ore Nello Musumeci e la sua Sicilia è un “conflitto tra cuore e ragione”: «il cuore vorrebbe che tutti gli alberghi fossero stracolmi e i lidi balneari affilatissimi; la ragione vorrebbe evitare che alla fine di questa estate si dovessero contare nuovi contagi», ha dichiarato il governatore siciliano.

Ma qual è la situazione attuale? Bene, sappiamo che la riapertura, fissata a suo tempo dalla Regione Siciliana, è prevista per il prossimo 7 giugno; sappiamo che altre regioni riaprono il 4 giugno e sappiamo anche Musumeci è indeciso se anticipare o mantenere la data già stabilita.

Da cosa dipenderà la sua decisione? Dal risultato dell’analisi del dato epidemiologico delle ultime due settimane, quelle successive alla progressiva riapertura del post lockdown: «se nella fase 2 non ci sarà stato l’aumento dei contagi – ha assicurato il governatore – saremo nelle condizioni di potere affrontare la mobilità interregionale».

Resta però il timore di una nuova ondata di contagi: «Non esiste la sicurezza al 100%, diciamocelo con grande sincerità al di fuori di ogni ipocrisia» ha ammesso in conclusione.

LEGGI LE ULTIME NEWS DI CRONACASEGUICI SU GOOGLE NEWS

modulo ottica dieci decimi
modulo allianz
modulo pubblicità annuncio