Denise Ragusa, eccellenza calatina e prima ambasciatrice nel mondo

Denise Ragusa, ricercatrice calatina in Inghilterra, questa mattina è stata accolta nell’ufficio del sindaco di Caltagirone per ricevere la nomina di “ambasciatrice” calatina nel mondo. Fabio Roccuzzo, insieme all’amministrazione, mira a «valorizzare le tante eccellenze che questa città ha in giro per il mondo, Denise è una di queste!».

«Non è l’unica, fortunatamente ne abbiamo tante- dichiara il primo cittadino. Quando sono presenti nella nostra città, come ad esempio Denise che è qui in vacanza, è un’occasione per il sindaco e l’amministrazione comunale per accoglierla, ospitarla, promuoverla e per rilanciarla mediaticamente per farla conoscere alla città e al mondo intero. Perché le nostre eccellenze in giro per il mondo sono una sorta di ambasciatore del corpo diplomatico di questa città che ci rappresenta nel miglior modo».

«Denise è una straordinaria eccellenza»: sono parole piene di affetto quelle del primo cittadino, ma che denotano l’orgoglio verso una grande Donna. Infatti, Denise Ragusa è una ragazza dal curriculum impeccabile, la tesi di laurea su modelli cellulari per lo studio di particolari tipi di leucemia è solo l’inizio del percorso di studi invidiabile. Esso prosegue con vari premi e titoli per il lavoro svolto negli anni accademici. Dopo la laurea arriva la vincita di un bando per il dottorato di ricerca su un raro tipo di leucemia infantile presso la Brunel University. Tra i tanti premi ricordiamo il primo posto alla competizione “Three Minute Thesis” del 2020 per la migliore esposizione del lavoro di ricerca. Nel 2021 la premiazione per i migliori giovani ricercatori alla ECA 2021 per i progetti di ricerca più innovativi.

Al momento si gode una meritata vacanza nella sua città natale dopo il dottorato in genetica molecolare in leucemie infantili. Pronta ad essere ricercatore post dottorale, concentrandosi sui meccanismi di divisione cellulare. Auguriamo a Denise una carriera caratterizzata da soddisfazioni personali e lavorative.