Caltagirone, indagati per falso in bilancio Giunta Pignataro e revisori dei conti Amato, Napolitano e Cataldo

La Procura della Repubblica di Caltagirone ha concluso le indagini preliminari per i componenti dell’allora Giunta Pignataro, i revisori dei conti Fabio Amato, Eleonora Napolitano ed Ettore Cataldo, oltre che per l’ex dirigente del Servizio Finanziario del comune Concetta Di Dio.

Le indagini preliminari, come si legge da quanto reso noto da Sicilia Network, sono state condotte dal pm Vincenzo Calvagno D’Achille.

Gli indagati dovranno rispondere per falso in bilancio inerente agli anni 2009 e 2010.

Gli indagati. Si tratta dell’ex sindaco Francesco Pignataro, degli ex assessori Salvatore Maria Russo, Domenico Palazzo, Franco Pace, Vincenzo Di Stefano, Alessandra Foti, Francesco Polizzi e Francesco Alparone, oltre all’ex dirigente del Servizio Finanziario del comune Concetta Di Dio e agli allora revisori dei conti Eleonora Napolitano, Ettore Cataldo e Fabio Amato.

L’accusa. Da quando si evince, l’accusa è quella «di avere attestato falsamente la corrispondenza del rendiconto relativo agli esercizi finanziari 2009 e 2010 indicando voci di bilancio per importi insussistenti e non corrispondenti al vero, nonché entrate ampiamente sovrastimate inducendo così il consiglio comunale ad approvare dei rendiconti contenenti dati contabili non corrispondenti al vero».

In sostanza, l’accusa ritiene che «venivano comprese somme senza accertarne l’effettiva solvenza ed esigibilità di residui attivi senza verificarne l’intervenuta prescrizione».

Cosa ne pensi?