Caltagirone, salvano giovane che minacciava suicidio: vigili urbani “angeli” ricevuti dal sindaco

Tre agenti della Polizia municipale – il luogotenente Carlo Cristaudo, l’ispettore capo Laura Discolo e l’ispettore principale Rosetta Randazzo -, accompagnati, dal vicecomandante del Corpo, capitano Francesco Palmisciano, sono stati ricevuti stamani in municipio dal sindaco Gino Ioppolo, che ha così voluto manifestare loro “la gratitudine dell’intera comunità” per avere concorso, con alcuni amici del ragazzo e una pattuglia della Guardia di Finanza in transito, al salvataggio di un giovane che, alle 22,45 circa dello scorso 11 agosto, aveva minacciato di lanciarsi dal Ponte San Francesco, nel centro storico della città.

I tre vigili urbani (con loro anche un altro loro collega, l’ispettore principale Nicolò “Nuccio” Puglisi), impegnati a breve distanza in un servizio di controllo interforze, erano stati richiamati dalle grida d’aiuto di alcuni amici del giovane (uno di loro lo teneva per una gamba), intervenendo subito per dissuaderlo e allontanarlo da quel luogo, impedendo così che portasse a compimento il gesto.

Ioppolo ha evidenziato come, “con questo intervento provvidenziale”, i poliziotti municipali abbiano contribuito “a evitare una possibile tragedia”, annunciando che concorderà con il comandante del Corpo, colonnello Renzo Giarmanà, l’assegnazione di un encomio.