Arriva il bonus casalinghe nel Decreto Agosto, voluto dalla ministra Bonetti

Il Decreto Agosto contiene anche un fondo per la formazione delle casalinghe del valore di 3 milioni all’anno. Il bonus verrà introdotto già da quest’anno, stando a quanto riportato in una bozza aggiornata del documento. Il provvedimento potrebbe comunque subire ancora qualche modifica fino al momento della sua approvazione ufficiale.

Il fondo è stato voluto dal ministero dell’Economia con lo scopo di incrementare le possibilità di formazione delle casalinghe e accrescerne l’inclusione sociale e le opportunità culturali.

Il Decreto Agosto prevede, quindi, il fondo casalinghe, tramite il quale si ha intenzione di livellare le opportunità culturali e l’inclusione sociale delle casalinghe e di tutti coloro che lavorano in ambito domestico. Questo sarà possibile grazie a delle attività “senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito”, destinate alla cura delle persone e degli spazi domestici in collaborazione con enti pubblici e privati e rivolte a tutti i cittadini che svolgono questo tipo di attività.

Attualmente non sono ancora noti i criteri e le modalità con cui verrà ripartito il bonus, tuttavia nel testo si specifica che verranno definite tramite un apposito decreto emanato dal ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, che dovrebbe essere pubblicato entro il 31 dicembre 2020.

La stessa ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, ha confermato l’inserimento di questo nuovo bonus nel Decreto Agosto tramite un post pubblicato sui social network. Una manovra, spiega, che garantirà alle donne maggiore indipendenza e autonomia, con cui incrementare l’accesso alle opportunità culturali e lavorative:

“È un provvedimento che ho voluto e sostenuto con forza, pensando alla necessità che l’autonomia personale delle donne sia sempre sostenuta, anche nei contesti domestici. Quello che chiamiamo empowerment femminile nasce dalla formazione, e le opportunità di formazione nascono lì dove si crede e si investe nel valore delle persone. Anche oggi affermiamo che l’Italia crede nelle donne, tutte, e scommette di loro, soprattutto ora che abbiamo l’opportunità di ripartire. Con le energie di tutti, donne e uomini insieme”.