Finalmente arriva il Green pass: a cosa serve, chi può richiederlo e come

È finalmente disponibile il Green pass, la certificazione verde nata da una proposta della Commissione europea per favorire la circolazione dei cittadini nell’UE. Si tratta di un certificato digitale e stampabile che contiene un QR code emesso dal Ministero della Salute attraverso la sua piattaforma nazionale. Si può richiedere accedendo alla piattaforma dedicata, tramite il Fascicolo Sanitario elettronico e grazie alle app Immuni e Io.

Negli ultimi giorni il Ministero della Salute sta inviando agli utenti i codici necessari a scaricare il certificato. Può richiedere il certificato chi è risultato negativo al tampone, chi è guarito dal Covid da non più di sei mesi, chi ha ricevuto la prima dose (dopo 15 giorni e durerà fino al richiamo) e chi ha completato l’iter. Per i primi il Green pass durerà 48 ore, per i secondi 6 mesi, mentre per chi ha completato l’iter, il certificato sarà valido per 9 mesi.

Il Green pass servirà per partecipare ad aventi pubblici, accedere a residenze assistenziali sanitarie e spostarsi tra territori classificati come “zona arancione” e “zona rossa”. Dal 1 luglio permetterà di viaggiare anche in Europa, ma sarà necessario aver ricevuto entrambe le dosi. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito e per assistenza si può scrivere alla mail cittadini@dgc.gov.it o chiamare il numero verde 800 91 24 91.