Vaccino AstraZeneca, poco fa altra insegnante colpita da tromboembolia: è grave

L’Oms continua a sottolineare che il vaccino AstraZeneca è sicuro e che la sua somministrazione non comporta alcun rischio, intanto si sarebbe verificato un altro caso di complicazioni a seguito della sua somministrazione. Il fatto è recente, sarebbe accaduto nelle scorse ore a Messina.

Un’insegnante 55enne sarebbe stata ricoverata in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione del Policlinico messinese, avrebbe ricevuto la somministrazione del vaccino lo scorso 11 marzo.

A riferire dettagli maggiori sul caso sarebbe stato il suo stesso legale: “Dopo la somministrazione ha accusato febbre alta oltre 39 gradi e fortissimi mal di testa. La sintomatologia del mal di testa è stata continua e incessante. La febbre si è ripresentata a distanza di due giorni sempre a 38 gradi”.

“Sono state evidenziate trombosi all’aorta iliaca, alla vena porta, alla giugulare, un’embolia polmonare ed una trombosi a livello encefalico. Oggi è sopraggiunta una emorragia cerebrale e la paziente è stata operata d’urgenza nel reparto di neurochirurgia. Adesso si trova in coma farmacologico, intubata in Terapia Intensiva tra la vita e la morte. I familiari intendono precisare che la congiunta di anni 55 non ha mai sofferto di patologie, non è allergica e non prende farmaci abituali”, ha concluso l’avvocato.