ULTIM’ORA, “Ritorno alla didattica in presenza prima possibile”: parla l’OMS

ULTIM’ORA, “Ritorno alla didattica in presenza prima possibile”: parla L’OMS. “I contagi nelle scuole è limitato”.

ULTIM’ORA. Alla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina si aggiunge anche l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) col sostenere che bisogna ritornare alla didattica in presenza il più possibile considerati il numero dei contagi davvero illimitato.

Nel dettaglio, l’OMS, durante un incontro avvenuto col la Ministra Azzolina, afferma che l’impatto dei contagi nelle scuole italiane risulta essere limitato. E la trasmissione del virus tra gli studenti avviene soprattutto fuori da scuola. Inoltre, la probabilità di contagio è più bassa nei bambini.

Dunque, alla luce di ciò l’OMS consiglia di rendere i provvedimenti di chiusura delle scuole il più possibile limitati e circoscritti territorialmente. Bisogna garantire massima attenzione agli studenti con difficoltà. Per di più, ‘OMS ribadisce che una chiusura prolungata delle scuole comporterebbe gravi ripercussioni nei ragazzi sotto il punto di vista psicologico e anche di dispersione scolastica.

SEGUICI ANCHE

SU -> Twitter: @PrometeoNews  

E SU  -> Instagram @prometeonews_it

E SU  -> Linkedin Prometeonews.it

RIMANI AGGIORNATO

Foto Articolo: Immagine di repertorio

Cosa ne pensi?

ULTIM’ORA, “Ritorno alla didattica in presenza prima possibile”: parla l’OMS

ULTIM’ORA, “Ritorno alla didattica in presenza prima possibile”: parla L’OMS. “I contagi nelle scuole è limitato”.

ULTIM’ORA. Alla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina si aggiunge anche l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) col sostenere che bisogna ritornare alla didattica in presenza il più possibile considerati il numero dei contagi davvero illimitato.

Nel dettaglio, l’OMS, durante un incontro avvenuto col la Ministra Azzolina, afferma che l’impatto dei contagi nelle scuole italiane risulta essere limitato. E la trasmissione del virus tra gli studenti avviene soprattutto fuori da scuola. Inoltre, la probabilità di contagio è più bassa nei bambini.

Dunque, alla luce di ciò l’OMS consiglia di rendere i provvedimenti di chiusura delle scuole il più possibile limitati e circoscritti territorialmente. Bisogna garantire massima attenzione agli studenti con difficoltà. Per di più, ‘OMS ribadisce che una chiusura prolungata delle scuole comporterebbe gravi ripercussioni nei ragazzi sotto il punto di vista psicologico e anche di dispersione scolastica.

SEGUICI ANCHE

SU -> Twitter: @PrometeoNews  

E SU  -> Instagram @prometeonews_it

E SU  -> Linkedin Prometeonews.it

RIMANI AGGIORNATO

Foto Articolo: Immagine di repertorio

Cosa ne pensi?

ULTIM’ORA, “Ritorno alla didattica in presenza prima possibile”: parla l’OMS

ULTIM’ORA, “Ritorno alla didattica in presenza prima possibile”: parla L’OMS. “I contagi nelle scuole è limitato”.

ULTIM’ORA. Alla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina si aggiunge anche l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) col sostenere che bisogna ritornare alla didattica in presenza il più possibile considerati il numero dei contagi davvero illimitato.

Nel dettaglio, l’OMS, durante un incontro avvenuto col la Ministra Azzolina, afferma che l’impatto dei contagi nelle scuole italiane risulta essere limitato. E la trasmissione del virus tra gli studenti avviene soprattutto fuori da scuola. Inoltre, la probabilità di contagio è più bassa nei bambini.

Dunque, alla luce di ciò l’OMS consiglia di rendere i provvedimenti di chiusura delle scuole il più possibile limitati e circoscritti territorialmente. Bisogna garantire massima attenzione agli studenti con difficoltà. Per di più, ‘OMS ribadisce che una chiusura prolungata delle scuole comporterebbe gravi ripercussioni nei ragazzi sotto il punto di vista psicologico e anche di dispersione scolastica.

SEGUICI ANCHE

SU -> Twitter: @PrometeoNews  

E SU  -> Instagram @prometeonews_it

E SU  -> Linkedin Prometeonews.it

RIMANI AGGIORNATO

Foto Articolo: Immagine di repertorio

Cosa ne pensi?