Supplenze 2020, al via le fasi: prima Gae e Gps

Supplenze 2020, al via le fasi: prima Gae e Gps. Dettagli e precisazioni sulla situazione in caso di nuovo lockdown

Supplenze 2020. Sono stati fatti molti chiarimenti in merito ai rientri in classe durante la conferenza stampa del nove settembre. Fra questi quello delle supplenze, che quest’anno si svolgeranno in due fasi distinte. Come già preannunciato dal ronoprogramma, le convocazioni per le supplenze “ordinarie”, ovvero quella prevista dalla copertura delle cattedre vacanti e disponibili fino al 30 giugno o al 31 agosto, si dovranno concludere entro il 14 settembre.

Le previsioni considerano questa data come riferimento per il termine delle operazioni conferimento supplenze 2020 che riguarderanno gli aspiranti supplenti delle graduatorie provinciali e delle graduatorie ad esaurimento. In un secondo momento si passerà alle supplenze aggiuntive che riguarda l’organico, di circa 70 mila unità, previste dal decreto rilancio.

l contingente di “supplenti anti-covid” è dunque leggermente aumentato rispetto alle prime previsioni. Anzi, rispetto all’ordinanza ministeriale dello scorso 5 agosto: inizialmente, infatti, come previsto dal decreto rilancio, i supplenti aggiuntivi per il rientro a scuola erano fissati a 50 mila, suddivisi all’incirca in 40 mila insegnanti e 10 mila collaboratori scolastici, per una spesa totale di 977 milioni.

In caso di lockdown, questi supplenti sarebbero licenziati e non avrebbero alcun beneficio di indennità di disoccupazione, come previsto generalmente per tutti i lavoratori a tempo determinato. E’ la norma prevista decreto rilancio che prevede il licenziamento di questi supplenti in caso di nuova chiusura delle scuole.

In questo caso, per coprire le cattedre vacanti e aumentare l’organico a disposizione in vista dello sdoppiamento delle classi, si utilizzeranno le graduatorie di istituto, che verranno utilizzate dai dirigenti scolatici.

SEGUICI SU -> Facebook: PrometeoNews

CI TROVI ANCHE SU -> Twitter: @PrometeoNews  E SU  -> Instagram @prometeonews_it

E SU  -> Linkedin Prometeonews.it

Foto articolo: Immagine di repertorio

Cosa ne pensi?