Sospensione vaccino AstraZeneca, arriva verdetto. Chi rifiuta rischia di non vaccinarsi più

AGGIORNAMENTO – Via libera da parte dell’Agenzia europea del farmaco al vaccino AstraZeneca: “Il vaccino AstraZeneca è sicuro, efficace, i benefici sono superiori ai rischi ed escludiamo relazioni tra casi di trombosi” e la somministrazione delle dosi. Questo quanto dichiarato dalla direttrice Emer Cooke.

Il comitato per la sicurezza dell’Ema in questo momento sta tenendo una riunione straordinaria per l’indagine sul vaccino di AstraZeneca contro il Covid ed eventi tromboembolici. L’agenzia fa sapere che al termine dell’incontro verranno comunicate le conclusioni sul proprio sito web istituzionale.

In attesa del “verdetto” riportiamo un fatto curioso: si fa spazio l’ipotesi che chi rifiuta la somministrazione del vaccino (AstraZeneca o altro) non prenotandosi entro la finestra temporale prevista per la propria categoria, rischia seriamente di non vaccinarsi più, perché andrebbe a finire in coda e potrebbe vedersi slittare a tempo indeterminato il proprio turno, considerando che i soggetti vaccinati, dopo 5-6 mesi, possono nuovamente prenotarsi perché “scoperti” e quindi nuovamente esposti al contagio da Covid.