Sicilia, esclusa “variante africana”, Musumeci pensa alla ZONA BIANCA

“L’ipotesi di una variante africana sul paziente positivo rientrato in Sicilia è stata esclusa. A tale conclusione sono giunti gli esperti del laboratorio regionale di riferimento dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia, che hanno ultimato, dopo alcuni giorni, i procedimenti di sequenziamento sulla ricerca del gene “S” sui campioni prelevati da un paziente affetto da infezione da Covid-19. Sul soggetto, proveniente da uno stato dell’Africa centrale, è stato infatti evidenziato il virus Sars-Cov2, altrimenti noto come Coronavirus. Ringrazio tutti per il lavoro svolto”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza.

Una buona notizia dunque che lascia ben sperare per le prossime settimane, con l’auspicio che questa zona gialla possa essere un’opportunità per tutti i siciliani ed un tentativo di un graduale ritorno alla normalità.

A tal proposito il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha dichiarato: “La zona gialla deve essere un patrimonio di tutti e abbiamo il dovere di salvaguardarla. Magari col governo nazionale ci confronteremo su altre aperture, mi amareggia tantissimo che il mondo della cultura e dello spettacolo rimangano preclusi a ogni tipo di attività”. Chissà se si riferisce alla possibilità di chiedere per l’isola la zona bianca.

negozio intimo in
expert banner 7 marzo