Palagonia, accuse voto di scambio, Marletta: “Grave, sindaco non resti in silenzio”

Palagonia, accuse voto di scambio, la richiesta dei consiglieri Valerio Marletta, Nicola Giaquinta, Maurizio Toro: “Grave, sindaco non resti in silenzio”

Palagonia. Il consigliere comunale Fabrizio Brancato in data 17.1.2020 ha lanciato pesanti accuse attraverso la nota piattaforma social denominata “Facebook”. Riportiamo alcuni passaggi:

«…altra cosa che mi rammarica è che dal primo giorno che ci siamo insediati, i fantastici 4, hanno dato spalla al paladino sopra accennato. Che cosa strana…e che vergogna…ricordo, infatti chiaramente che in campagna elettorale…li ha svergognati dicendo che i 4 erano delinquenti perché avevano fatto di tutto compreso comprare letteralmente i consensi»

«e poi almeno che mantenesse la parola nei confronti di quegli altri  che gli hanno dato il voto…con i miei occhi ho visto, vicino all’Unicredit, ex banco di sicilia, il padre del gentiluomo, che rappresenta la adunanza consiliare, come trattava quei dieci poveracci, che lo avevano votato e che andavano a riscuotere il saldo dopo il consenso civico dato al figlio. Il padre è più gentiluomo de figlio perché in quell’occasione negava loro il pagamento solo perché il numero dei consensi non corrispondevano…e si sono acchiappati…a questo teatrino hanno assistito tutti…ma che vergogna»

«vorrei dire a talun uomo di grande spessore, no di politica ma di corporatura: anziché mettere il naso nelle mie faccende private sempre fatte con l’onestà che mi contraddistingue, perché non ti prenditi pensiero di quella macchina bmw nera che a linea d’aria è stata danneggiata da un meschino atto vandalico dato che la macchina non ti poteva rispondere?»

«la cosa più brutta che i fantastici 4 sono capeggiati da un cane di mandria che costui non ha nessuno ruolo, sulla cosa pubblica, ha solo interessi propri di sistemare cooperative e terreni con i quali tutti ci campano»

«purtroppo la realtà è questa, loro hanno fatto un investimento durante la campagna E.L. quindi voglio il loro proprio per recuperare quando anno speso»

Appare chiara la gravità di quanto riportato pubblicamente. Senza mezzi termini accusa 4 consiglieri comunali, senza farne il nome, di avere “investito” soldi per comprare consenso elettorale! Senza mezzi termini riporta fatti, parentele e luoghi precisi sullo svolgimento della compravendita di voti. Senza mezzi termini indica nel Presidente del consiglio uno dei protagonisti di questa assurda vicenda. Senza mezzi termini accusa lo stesso Presidente di un diretto coinvolgimento nel danneggiamento della sua auto! Senza mezzi termini individua una “mano esterna” nell’azione di 4 membri del consiglio comunale! Addirittura parla di interessi “privati” da garantire nella gestione della cosa pubblica! Grave, anzi gravissimo.

Il Presidente del Consiglio Francesco Fazzino ha depositato querela per diffamazione, non sappiamo quali azioni legali seguiranno, ma qui il dato è anche politico: possono danneggiare l’immagine, la credibilità e la reputazione dell’Ente o dei suoi organismi.

Noi pretendiamo che Il Sindaco di questo Comune prenda posizione sulla questione sollevata dal consigliere Fabrizio Brancato. Suggeriamo anche le strade possibili:

– Qualora persona informata sui fatti dovrebbe informare questo consiglio e la popolazione tutta. Ovviamente come conseguenza collaborare con gli organismi competenti per salvaguardare il rispetto della legalità e l’immagine pubblica del Comune di Palagonia.

– Qualora convenisse sull’esigenza di smentire pubblicamente quanto riportato dal Brancato, sporgere querela nei suoi confronti.

Non sono in gioco solo le vicende personali, ma l’immagine stessa del Comune di Palagonia. Eliminare qualsiasi dubbio sulla declamata compravendita di voti alle scorse elezioni amministrative, quindi sullo stesso risultato elettorale. Il Sindaco rimane in silenzio, i cittadini pretendono risposte.

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa dei consiglieri comunali Valerio Marletta, Nicola Giaquinta, Maurizio Toro

LEGGI LE ULTIME NEWS DI CRONACA – RIMANI AGGIORNATO: Seguici su Google News