Ordinanza Musumeci su rientri in Sicilia per Natale: ecco le misure

Oggi arriverà la nuova ordinanza dettata dal Presidente della regione Nello Musumeci in merito alle raccomandazioni ed ai comportamenti da tenere durante il periodo festivo.

Ieri sera il comitato tecnico-scientifico della Regione ha vagliato il testo definitivo, confermando il provvedimento disposto dai tecnici dell`assessorato alla salute.

Per quanto concerne i tamponi rapidi per chi arriva in aereo o in treno rimangono sempre raccomandati per garantire migliore sicurezza sulla negatività dei passeggeri. Per chi invece, già in possesso di un tampone molecolare con esito negativo nelle ultime 72 ore, basterà presentare detta certificazione.

Per chi arrivi da qualunque territorio esterno alla Sicilia, è stato confermato l’obbligo di registrarsi nell’app digitale che salvo cambiamenti, dovrebbe essere sempre “Sicilia Sicura”.

Gli scali presso l’aeroporto Fontanarossa verranno ulteriormente resi sicuri. Già operativa nel terminal C ed in quello Punta Raisi un `area medica, ne sarà disposta un’altra nel terminal A. Anche i porti saranno dotati di ulteriori ampliamenti per garantire la maggiore sicurezza nella circolazione delle persone.

Molto più preoccupante appare la situazione per chi volesse rientrare in Sicilia per mezzo di auto, treni o autobus. Per tale ragione si sta prevedendo a dei drive-in presso le stazioni, o gli sbarchi a Messina, così come avvenuto qualche mese fa, con scopo di garantire anche a chi non in possesso di tampone la possibilità di accertare la negatività e quindi di evitare ulteriori possibilità di contagi.

Nell’idea di Ruggero Razza insieme al gruppo di lavoro, sarà rafforzato l’impiego di mezzi e personale sanitario, soprattutto per impiegarli in questa fase in cui i controlli saranno più stringenti.

Inoltre al vaglio, si presume possa essere delegato anche ai medici di base la possibilità di effettuare tamponi, proprio per evitare ritardi sulla tracciabilità e sulle possibili quarantene imputabili ai possibili negativi. Tale possibilità e stata richiesta dal presidente regionale Fimmg, Luigi Galvano il quale ritiene opportuno il conferimento ai medici generali della qualifica di pubblico ufficiale per le disposizioni aventi ad oggetto l`isolamento per i casi sospetti.

Per quanto concerne le attività commerciali e la movida ai sindaci verrà data la possibilità di modificare gli orari dei negozi e possibilmente anche il divieto di stazionamento in luoghi a rischio di assembramento, ad esempio nei centri urbani dove vengono allestiti alberi e decorazioni pronti ad attirare l`attenzione del popolo.

negozio intimo in
expert banner 7 marzo