Ordinanza Musumeci, misure Regione Sicilia: Natale sotto controllo

Da Palermo, arriva la nuova ordinanza del presidente della regione Nello Musumeci, dopo la previa consultazione con il Comitato tecnico-scientifico, che annuncia le nuove disposizioni  anti-contagio, da seguire durante le vacanze natalizie, a partire da lunedì 14 dicembre sino a giovedì 7 gennaio 2021. Di seguito le varie disposizioni.

ARRIVI IN SICILIA 

Per chiunque decida di recarsi in Sicilia dovrà preventivamente registrarsi sulla piattaforma www.siciliacoronavirus.it munito di esito negativo, esclusivamente per mezzo di tampone molecolare rino-faringeo effettuato nelle ultime 48 ore e non oltre. Sono esclusi i pendolari e coloro che si erano allontanati dalla regione Sicilia  nei 4 giorni precedenti rispetto al giorno di rientro.

DRIVE-IN TAMPONI RAPIDI  

Per coloro i quali, non abbiano potuto sottoporsi al tampone molecolare viene riconosciuto il diritto a:

  • recarsi presso un drive-in per effettuare un tampone rapido antigenico.

– Nel caso di positività si seguiranno le procedure previste per i soggetti positivi, per cui verrà effettuato un nuovo tampone, questa volta molecolare e la situazione di salute verrà presa in carico dal Sistema sanitario regionale.
– Nel caso di negatività, potrà proseguire tranquillamente il suo rientro, impegnandosi a rispettare le norme anti- contagio vigenti nell’ isola ed utilizzando i dispositivi di protezione.

  • alternativamente, il soggetto è libero di recarsi presso un laboratorio, a proprie spese per effettuare il tampone molecolare, il quale esito dovrà obbligatoriamente essere comunicato al dipartimento di Prevenzione dell’Asp.
  • il soggetto può anche avvalersi della facoltà di non sottoporsi a nessuna delle procedure suddette, ma si assumere l’ obbligo di porsi in isolamento fiduciario per dieci giorni presso il proprio domicilio, dandone comunicazione al proprio medico o all’ Asp.

CENTRI COMMERCIALI

Fermo restanti gli obblighi di:

– garantire  il distanziamento di almeno 1 metro

– la ventilazione dei locali

– i titolari degli esercizi sono tenuti a comunicare all’Asp il numero massimo dei clienti ospitabili, impegnandosi ad esporre detta limitazione sul cartello , all’esterno del locale

– inoltre, dovranno munirsi di un apparecchio tecnico: il contapersone, affinché gli ingressi siano controllati e si evitino assembramenti all’interno.

RISTORANTI 

I titolari di ristoranti e pizzerie hanno L’obbligo di tenere i nominativi dei clienti registrati nelle ultime due settimane, in  modo tale che in caso di un ipotetico contagio possa essere ricostruito il percorso di eventuali positivi e tutelare anche i soggetti che vi sono stati a contatto.

DIRITTO DEI SINDACI

I sindaci potranno:

– consentire agli esercizi pubblici l’orario continuato

– adottare limitazioni di accesso alle aree comunali (come zone pedonali e luoghi pubblici di aggregazione) per evitare assembramenti e stazionamenti prolungati, anche mediante l’utilizzo di transennamenti o regolatori di flusso di entrata e uscita.

– potranno avvalersi delle associazioni di volontariato, per coadiuvare l’esercizio e il rispetto di tali disposizioni.

DISPOSIZIONI PER MEDICI E PEDIATRI 

Per tutta la durata del periodo emergenziale, nella gestione dei pazienti Covid-19 positivi o sospetti tali, medici di base e pediatri dovranno collaborare, effettuando i tamponi antigenici rapidi o di altro test.

negozio intimo in