Misterbianco, un’area per cani totalmente abbandonata

Un’area ampia con vialetti in discesa che da Misterbianco arriva fino alla Ss 121 per Paternò, che rappresenterebbe uno dei pochissimi polmoni di verde della città, è meta di un gruppo di amici che si ritrova sotto la villa comunale, nell’apposita “Area Cani” per respirare un po’ di aria e far divertire i fedeli amici a quattro zampe. Di questo gruppo fa parte un arzillo novantunenne che, con la sua piccola cagnolina, è anche lui testimone del desolante abbandono in cui si trova il sito. Anzi, alcune persone del gruppo, si stanno adoperando per preservare quei luoghi, come il signor Riccardo Rizzo che, insieme ad altri amici, hanno scritto un cartello chiedendo che l’area non rimanesse aperta sistemando parte della rete di recinzione e curando come meglio si poteva la zona che non è a norma, non è pianeggiante ed è priva di custodi.

Malgrado tutto, il cancello rimane aperto privando queste persone dell’apertura e chiusura del cancello , in quanto non assicurati e non dipendenti del Comune. Insomma, una zona che si potrebbe paragonare quasi ad una discarica a cielo aperto, perché si trova di tutto; con l’impianto elettrico che si stacca spesso, mentre altre luci restano accese 24 ore al giorno. Al degrado si aggiungono anche atti vandalici come testimoniato da tanti cittadini che si sono dedicati, con passione e sacrificio, alla sistemazione del cancello, di una fontanella e della staccionata che, col passare del tempo, sono state rovinate. Un luogo da recuperare al più presto: sarebbe bello renderlo vivibile e dignitoso, anche se gira voce che la zona possa essere utilizzata per un futuro parcheggio per la Metropolitana.

(articolo scritto in collaborazione con Salvo Re)

Cosa ne pensi?