La Sicilia apre i confini: stanno scendendo a migliaia

La Sicilia apre i confini: stanno scendendo a migliaia e non hanno obbligo di autocertificazione e di quarantena; se hanno febbre “possono” comunicarlo

Oggi è il grande giorno anche per la Regione Siciliana, che apre i suoi confini a chiunque voglia giungere dalle altre regioni italiane, e per chi vuole, c’è a disposizione il download dell’app “Sicilia sicura”, dove in maniera facoltativa si possono inserire i dati personali sul proprio stato di salute, sugli spostamenti ed eventuali casi di contagio da Covid-19 in famiglia.

La riapertura dell’isola è in linea con quella delle altre regioni, in leggero anticipo rispetto alla data fissata precedentemente, ovvero l’8 giugno. Non c’è più l’obbligo dell’autocertificazione (e quindi si può giungere in Sicilia anche per prendere un caffè a Messina) e della quarantena, ma se si ha febbre basta “solamente” (e se si vuole) comunicarlo ed i sanitari dell’Asp locale interverranno.

Restano, anche nell’ultima ordinanza regionale, le disposizioni per i cittadini riscontrati positivi al Covid-19 che hanno l’obbligo di comunicare le proprie condizioni di salute al medico di famiglia e al Dipartimento di prevenzione dell’Asp competente.

Foto articolo: La Sicilia

LEGGI LE ULTIME NEWS DI CRONACASEGUICI SU GOOGLE NEWS

bar iudica e trieste
negozio intimo in
ottica dieci decimi
ottica spazio sole
assicurazione allianz