La Pro Loco e il risveglio di Mirabella Imbaccari

 

A Mirabella la Pro Loco realizza un calendario e vuole attivarsi con le associazioni locali per un risveglio del paese

Da dieci mesi Mirabella Imbaccari vive in silenzio e l’unico protagonista della comunità è il maledetto coronavirus che porta con sè isolamento e morte. Per il presidente della Pro Loco Daniele Aranzulla “bisogna reagire a questo stato di lungo letargo perchè c’è il rischio concreto che l’interruzione di ogni attività sociale e culturale porti a conseguenze negative a lungo termine sul senso di benessere della comunita”.

Così la reazione parte dalla realizzazione di un calendario a cui hanno dato un contributo ben 79 sponsor locali – tra attività commerciali, aziende agricole, ditte di trasporti, ristorazione e bar, strutture ricettive, servizi alla persona – perchè tutti credono nel risveglio del paese e in un rilancio delle attività socioculturali.

Il calendario, stampato in 300 copie, viene venduto a 5 euro per copia e il ricavato servirà a una raccolta fondi utile a programmare le prossime iniziative.

Sfogliando il calendario si incontrano 12 ragazze – di età compresa tra i 17 e i 29 anni – che accompagnano l’osservatore alla riscoperta di un paese che si è sempre distinto nel Calatino per calore e senso di ospitalità (fotografie di Custodio Muscarello, grafica di Nicolò Bozzella).

Da marzo la Pro Loco, insieme alle altre associazioni locali, vuole proporre incontri ed eventi – dice il presidente Aranzulla – e si sta pensando alla seconda edizione di ‘MirabellArt’, un contenitore di arte e cultura che vuole arricchire e allietare l’estate mirabellese.

Al comune chiediamo solo la gestione del museo del tombolo per poterci organizzare al meglio e rendere vivo il museo, ormai diventato luogo di riferimento per fare cultura e incontrarsi in paese”. 

La Pro Loco, composta da 25 soci, ha appena lanciato la campagna di tesseramento 2021 al fine di invitare i mirabellesi ad attivarsi (a marzo ci sarà il rinnovo delle cariche del consiglio direttivo).

Le modelle del calendario:

Martina Cavaliere (esterno chiesa matrice Maria SS.delle Grazie)
Maria Claudia Nisi (Piazza Unità d’Italia)
Marzia D’Angelo (via Biscari)
Paola Cavolina e Martina Scroppo (interno Palazzo Biscari)
Alessandra Turino (esterno Palazzo Biscari)
Alessandra Castiglione (Piazza Aldo Moro-La Rotonda)
Rosy Aranzulla (interno chiesa matrice)
Donia Gulino (interno Museo del Tombolo)
Dorothy Patti (piazza Paola Frassinetti con vista chiesa Sacro Cuore)
Graziella Cavaliere (scalinata di via Garano per il Palazzo Biscari)
Emma D’Angelo (scalinata di via Pardo per l’acquedotto comunale)

SEGUICI SU -> Facebook: PrometeoNews

CI TROVI ANCHE SU -> Twitter: @PrometeoNews E SU -> Instagram @prometeonews_it

E SU -> Linkedin Prometeonews

Cosa ne pensi?