In Sicilia si tornano a “spalmare” i morti positivi al Covid: la denuncia di Bassetti

“Ieri a livello europeo abbiamo contato in Italia il record di decessi, 434, e poi scopriamo che ci sono 70 morti registrati in Sicilia che si riferivano ai giorni precedenti. Mi chiedo che senso può avere dare ancora questi numeri con il bollettino che hanno il solo scopo di creare allarmismo e ansia. In più c’è un danno per l’immagine del Paese all’estero, sembra che abbiamo gli ospedali che saltano in aria. Continuo a rimanere perplesso ma nessuno mi ascolta, la strada è quella dei burocrati contro i medici. E poi è chiaro che una buona parte dei ricoveri e decessi non riguarda pazienti con polmonite da Covid ma asintomatici positivi che hanno altri problemi”.

Queste le parole, gravi, pronunciate da Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova, ai colleghi di Adnkronos Salute, ritornando sulla sua proposta di eliminare a questo punto il bollettino quotidiano che riguarda i casi Covid.

Ma cosa è successo in poche parole? Nel report di ieri, per quanto riguarda i decessi, la Sicilia ha effettuato un riconteggio, riportando anche quelli avvenuti nei giorni precedenti e che non erano stati ancora calcolati, e il totale non è passato inosservato.