Firmato nuovo Decreto, ecco le zone e le restrizioni da domani al 15 gennaio

Spostamenti tra regioni, weekend in zona arancione, scuola, vaccini e nuovi indici RT: ecco cosa c’è nel nuovo decreto firmato da Mattarella con le misure in vigore dal 7 al 15 gennaio.

Numerosissime le novità che entreranno in vigore a partire da giovedì 7 gennaio 2021. In generale tra le principali novità rientrano:
– viene confermata la possibilità di tornare al proprio domicilio e residenza e l’ obbligo di autocertificazione;
– nei festivi e prefestivi saranno in vigore le regole per la zona arancione, nonché divieto di uscire dal proprio comune se non per comprovati motivi certificati.

Spostamenti tra regioni

Nel decreto viene confermata l ‘impossibilità di spostarsi tra il 7 ed il 15 di gennaio 2015 fuori dalla propria regione di appartenenza.
– Vietati anche gli spostamenti per raggiungere le seconde case ubicate in regione diversa.
– Gli spostamenti all’interno della propria regione restano consentiti purché chi effettua lo spostamento sia munito di autocertificazione, certificandone le motivazioni ( salute, lavoro e necessità).
– Rimane consentito lo spostamento per ritornare nel luogo di propria residenza e domicilio.

Sabato e domenica zona arancione in tutte le regioni

Nel weekend compreso tra il 7 e il 15 gennaio, quindi sabato 9 e domenica 10, valgono in tutta Italia le regole della zona arancione riguardo: spostamenti, visite ad amici e congiunti, sport e attività fisica.
Tuttavia saranno “consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti” per una distanza non superiore a 30 km, ma senza potersi recare nei capoluoghi di provincia.

Visite ad amici e parenti

A partire dall’ 11 gennaio 2021 le regioni verranno nuovamente divise in fasce: rossa, arancione, verde in base alla curva di contagio. L’ appartenenza ad una fascia piuttosto che ad un’ altra condizionerà i singoli abitanti in termini di limitazioni e riconoscimenti. Un eccezione è stata disposta dal governo in tema di visite a persone non conviventi all’ interno del comune di residenza e domicilio. Infatti, anche in queste zone sarà possibile:
– fare visita a detti soggetti una volta al giorno
– nel limite di 2 persone, al netto di figli under 14 e persone disabili e non autosufficienti conviventi.

Giorno 8 gennaio 2021 è fissato il giorno di monitoraggio che stabilirà il colore per ciascuna regione.

Scuola: trovato l’accordo

In questi giorni ampiamente sentiti i dibattiti tra esponenti politici sul tema istruzione, l’accordo raggiunto prevede in conclusione il rientro a scuola per le superiori posticipato a lunedì 11 gennaio.

Vaccini

Lo scorso 27  dicembre 2020 è iniziata anche in Italia la somministrazione del vaccino. Particolare attenzione in questi giorni è stata attribuita al problema relativo al libero-consenso per quelle persone incapaci di esprimerlo e privi di un tutore legale. A tal proposito, in siffatti casi sarà il giudice tutelare a rinviare la decisione al direttore sanitario oppure al medico  responsabile.

Indice Rt

Mentre la zona bianca (o verde), proposta dal ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Franceschini, potrebbe diventare realtà dopo il 15 gennaio, segnando la riapertura di musei e gallerie, bar e ristoranti e la fine del coprifuoco. Ancora nessuna conferma ufficiale.