Didattica a distanza, per la Sicilia 9 milioni: più strumenti anche agli studenti

Didattica a distanza, per la Sicilia 9 milioni: più strumenti anche agli studenti, oltre al potenziamento dell’intero sistema e-learning

La deputata del Movimento Cinque Stelle Simona Suriano ha annunciato, a seguito del decreto del Miur 158 del 26 marzo, l’arrivo in Sicilia di 9 milioni di euro per il sistema scolastico: nello specifico si tratta di fondi per potenziare le piattaforme per la didattica a distanza, per dotare di strumenti tecnologici gli istituti e gli studenti meno abbienti e per la formazione del personale.

«Ringraziamo il ministro Azzolina – spiega Suriano – per aver stanziato immediatamente, alla luce dell’emergenza in atto, le risorse alla scuola per fronteggiare il cambiamento repentino della didattica. La Sicilia è una terra che ha bisogno di una scuola pubblica dotata di tutti gli strumenti necessari per evitare dispersione e per mantenere standard qualitativi elevati. Così i fondi in arrivo saranno suddivisi tra potenziamento dell’e-learning, ponendo attenzione ai criteri di accessibilità per gli studenti disabili, per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti l’utilizzo di strumenti digitali in comodato d’uso gratuito».

«Inoltre vi saranno risorse – prosegue Suriano – per la formazione del personale e arriveranno 95 assistenti tecnici per le scuole proprio per “accompagnare” questo processo di digitalizzazione della didattica. Una boccata d’ossigeno necessaria: basti pensare che, ad esempio, per l’istituto Campanella Sturzo di Catania arriveranno 16.500 euro, per l’istituto Dusmet 16.200 euro andando a potenziare, in particolare modo, la didattica delle scuole presenti nelle zone dove l’istituzione scolastica è fondamentale. Per San Giovanni La Punta vi saranno 13.400 euro per il De Nicola, 12.500 euro per il Falcone e 8.800 euro per il Dalla Chiesa. Tutta la provincia etnea beneficierà, nel complesso, di questi fondi in maniera importante per proseguire con rinnovato impegno la sua missione educativa».

LEGGI LE ULTIME NEWS DI CRONACASEGUICI SU GOOGLE NEWS