Denise Pipitone rapita e portata su barca a remi, parla ex pm Maria Angioni

Al programma ”Mattino 5”, Federica Panicucci ha intervistato Maria Angioni, l’ex pm che tra il settembre 2004 e il 2005 ha studiato le carte relative alla bimba scomparsa a Mazara del Vallo, la piccola Denise Pipitone.

Secondo il magistrato, “ci sono stati più passaggi di mano della bambina” e l’attenzione degli inquirenti doveva cadere sul luogo della sparizione: “Nei pressi c’erano più persone appartenenti alla cerchia della famiglia allargata, e in molti hanno fatto qualcosa di sospetto. Questo ha ulteriormente complicato le indagini”.

“Non è detto che i due signori che hanno portato la bambina sulla barca a remi abbiano fatto tutto – sottolinea ancora l’ex pm Angioni -. Sappiamo anche da altre vicende criminose che dalla barca a remi poi si passa alla barca più grande, in modo tale da rendere il movimento, in questo caso della bambina, il più possibile complicato e difficilmente decifrabile”.

Volendo utilizzare altre parole, una operazione di depistaggio sapientemente e drammaticamente organizzata da chi voleva far perdere subito le proprie tracce e portare a compimento il proprio disegno criminale. Una serie di atti uniti ad uno scopo specifico.

Altri elementi secondo il pm contribuiscono a ricreare il quadro del rapimento. Infatti si ricordi della chiamata dal magazzino di via Rieti alla madre di Anna Corona, la ex moglie di Piero Pulizzi, compagno della mamma di Denise Piera Maggio.

“I conti non tornavano, da quel deposito è partita una telefonata collegata al sequestro. L’avvocato Giacomo Frazzitta (legale della famiglia Maggio) è andato e ha trovato questo signore sordomuto che ha raccontato tutto. Un riscontro fondamentale, non per diduzione ma proprio per induzione, è un elemento fortissimo”.