Catania, procedono le operazioni della simulazione organizzata all’interno del nuovo Pronto Soccorso di via Santa Sofia. GUARDA LA FOTO

A Catania è in corso, da stamane, la simulazione di maxi emergenza sanitaria che serve da stress test per il nuovo Pronto Soccorso del Policlinico.

 

 

Nella struttura, che entrerà in funzione il prossimo 18 novembre quando chiuderà definitivamente lo storico presidio di cure in Emergenza-Urgenza per adulti del Vittorio Emanuele, si sussegue un via vai di ambulanze ed elicotteri.

L’iniziativa, promossa dall’azienda Policlinico Vittorio Emanuele di Catania con il supporto tecnico della Scuola di specializzazione di Anestesia e Rianimazione dell’università di Catania, ricostruisce in maniera verosimile gli interventi di soccorritori, medici, infermieri, operatori socio-sanitari e altro personale in seguito ad una calamità naturale ‘avvenuta’ sull’ Etna e nella zona nord di Catania.

Alla simulazione, patrocinata dall’Assessorato regionale alla Salute e dall’università di Catania, oltre ai sanitari e gli elicotteri del 118, partecipano gli uomini e i mezzi aerei della Guardia di finanza e della polizia di Stato, i volontari del Corpo nazionale Soccorso Alpino con il supporto del Dipartimento di Protezione civile.

Le attività sono state avviate dall’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, dal Rettore, Francesco Basile, dal Direttore Generale, Giampiero Bonaccorsi, che ha monitorato le operazioni esterne direttamente dal luogo dove ha avuto inizio la simulazione, e dal Direttore Sanitario dell’Azienda Policlinico-Vittorio Emanuele, Antonio Lazzara.

Alle 15, per le fasi conclusive dell’esercitazione, saranno presenti il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ed il sottosegretario agli Interni, Stefano Candiani.

Cosa ne pensi?