Catania, arrestati due extracomunitari. GUARDA NOMI E FOTO

La Polizia di Stato ha arrestato il senegalese NDION Monsour (classe 1993) per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio.

 

 

Lo scorso 20 ottobre, personale dell’.U.P.G.S.P. in servizio di moto volante, transitando per via Carro, notava un cittadino extracomunitario all’atto della cessione di sostanza stupefacente ad altra persona.

Alla vista degli agenti, i due si davano a precipitosa fuga e, nel frangente, l’extracomunitario si disfaceva dell’involucro che stava per cedere all’avventore.

A poca distanza, il predetto veniva bloccato e trovato in possesso di una banconota da cinque euro che gli era stata consegnata dall’avventore che invece riusciva a dileguarsi.

Sul posto venivano recuperati i due involucri in cellophane trasparente di cui il malfattore si era disfatto poco prima con all’interno sostanza stupefacente del tipo marijuana per un peso complessivo di gr. 23 che veniva sequestrata.

Dell’arresto veniva notiziato il P.M. di turno, che convalidava l’arresto disponendo l’immediata liberazione del soggetto.

 

* * *

Nelle prime ore della mattinata odierna, personale dell’.U.P.G.S.P. ha arrestato il cittadino magrebino BENTAYEBI Khalil (classe ’92) per furto aggravato, danneggiamento e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Nello specifico, intorno alle ore 04:00 odierne, il predetto personale transitando per piazza Michelangelo Buonarroti, notavano il BENTAYEBI con il capo coperto da un cappuccio che con fare sospetto stava sistemando delle bottiglie di vino dentro alcune scatole.

Gli agenti, insospettiti, si avvicinavano al soggetto, notando che, oltre alle bottiglie di vino, lo straniero stava inserendo all’interno di una sacca nera degli oggetti in ottone.

Per tali motivi, ritenendo che gli oggetti erano sicuramente il provento di qualche reato, tentavano di bloccarlo ma il BENTAYEBI, dopo aver strattonato l’agente di polizia, si dava alla fuga per le vie limitrofe.

I due operatori inseguivano il malfattore, ne scaturiva, pertanto, un rocambolesco inseguimento che vedeva il fuggiasco imboccare il viale Raffaele Sanzio nel tentativo di dileguarsi.

Il malfattore, nonostante l’invito da parte degli agenti di Polizia di arrestare la corsa, continuava la sua precipitosa fuga nelle vie limitrofe, ove tentava di nascondersi dietro alcuni cespugli.

Il malfattore veniva raggiunto e bloccato dai due operatori e sottoposto a perquisizione personale, a seguito della quale veniva rinvenuto all’interno della felpa, un grosso cacciavite con manico ad uncino lungo circa cm. 40, presumibilmente utilizzato per compiere il reato.

Dal controllo nei pressi del luogo da cui il malfattore era fuggito, si constatava che le basculanti di tre garage situati in piazza Buonarroti erano stati forzate ed in particolare uno dei tre veniva trovato con la basculante aperta; al suo interno era stato messo tutto a soqquadro e vi era la presenza di alcune scatole identiche a quelle sottratte.

Sul posto personale del Gabinetto della Polizia Scientifica procedeva ad eseguire i rilievi fotografici anche di alcune impronte di scarpe del tutto simili a quelle indossate dal malfattore.

Il giovane magrebino, sprovvisto di documento d’identità, veniva accompagnato presso gli uffici per essere sottoposto ai rilevi foto-dattiloscopici ed identificato per BENTAYEBI Khalil.

Pertanto, il predetto veniva tratto in arresto per i reati di furto aggravato, danneggiamento e resistenza a P.U..

Dell’avvenuto arresto veniva notiziato il P.M. di turno, il quale disponeva la rimessa in libertà del BENTAYEBI, autorizzando il nulla-osta per l’eventuale espatrio.

Cosa ne pensi?