Calatino beccato con fucile pronto per sparare: arrestato

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palagonia, supportati dai colleghi dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Sicilia“ hanno arrestato un 33enne del posto, responsabile di detenzione di armi clandestine, ricettazione e detenzione abusiva di munizioni.

Nel quadro delle attività operative conseguenziali alle direttive del Comando Provinciale per il contrasto al fenomeno dei furti nelle aree rurali i militari, nelle prime ore del mattino, hanno effettuato un controllo nella zona di Contrada Murgia.

Nel corso dell’osservazione i militari, nei pressi di un casolare, hanno però notato la luce di una torcia elettrica in movimento e pertanto, supponendo che si trattasse di un furto in atto, si sono immediatamente diretti sul posto circondando l’area d’interesse.

Imposto l’alt alla persona hanno però constatato che quell’uomo stava armeggiando con un fucile a canne mozze calibro 12, avente la matricola abrasa con due cartucce già inserite in canna ed ulteriori 4 poste sull’antistante tavolo.

In particolare, l’arrestato stava avvolgendo l’arma con un panno al fine di procedere, successivamente, al suo occultamento in un nascondiglio nella campagna circostante. L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.