Anti-diabete dona speranze per le donne che faticano a diventare mamme: una 29enne racconta la sua storia

Anti diabete, dona speranze per le donne che faticano a diventare mamme: una 29enne racconta la sua storia, e rincuora coloro che hanno aborti spontanei

Anti diabete.

Chi soffre di aborti ricorrenti potrebbe trarre benefici da una compressa progettata in origine per curare il diabete.

Uno studio su 38 volontarie suggerisce che il farmaco sitagliptin aiuti a preparare meglio il rivestimento dell’utero per la gravidanza, favorendo la presenza di particolari cellule staminali.

Si ritiene, infatti, che alcune donne che soffrono di aborti spontanei non ne producano a sufficienza e per questo non riescano a portare avanti la gravidanza. La donna, 29 anni, di Doncaster, aveva sofferto in passato di quattro aborti spontanei e non ha saputo fino al termine dello studio le fosse stato somministrato il farmaco o un placebo: “Siamo arrivati ​​al punto in cui non pensavamo più di riuscire e abbiamo iniziato a esaminare l’adozione. Ma poi ci è stata offerta la possibilità di prendere parte a questa sperimentazione. Abbiamo pensato che, anche se non avesse aiutato noi, almeno avrebbe potuto aiutare qualcun altro”. Dopo 3 mesi di terapia, la conta delle cellule staminali è migliorata. Poi la donna è rimasta incinta e 9 mesi dopo ha avuto il suo primo figlio, Dawson, che ora ha quasi 2 anni. “E’ la sensazione più incredibile. Non riesco davvero a descriverla”, racconta.

Foto articolo: immagine di repertorio

LEGGI LE ULTIME NEWS DI CRONACA – RIMANI AGGIORNATO: Seguici su Google News

Basta poco per farsi notare!!!

modulo pubblicità annuncio
modulo ottica dieci decimi
modulo allianz