Anche in Sicilia “zona rossa” per evitare nuovo aumento contagi e coprifuoco anticipato

Sembra doveroso fare una premessa: in Sicilia non c’è allarme, almeno per ora, ma nel resto d’Italia sì. L’indice di positività medio nazionale infatti è balzato al 7,5%, contro il 2,6 dell’isola e sorge spontanea una domanda: come evitare che le attuali zone gialle tornino arancioni o, peggio, rosse?

Questa è la domanda che si pongono l’esecutivo del premier Mario Draghi e il Comitato tecnico scientifico. La soluzione, purtroppo da una parte, c’è e forse è la più semplice ma anche la più efficace: restrizioni quasi da “zona rossa” anche nelle zone gialle, Sicilia compresa.

Zona rossa ovunque nei fine settimana, per impedire le movide incoscienti, e coprifuoco anticipato di almeno 2 ore. Sono le due principali ipotesi al vaglio e se dovessero entrare in vigore nulla potrebbero fare i governatori più “free zone”, dato che al massimo le regioni potrebbero irrigidire le misure restrittive e non allentarle.