Trasporto pubblico a Caltagirone, tra ritardi e disservizi: ancora una volta

Il trasporto pubblico è uno dei servizi che a Caltagirone diventa delle volte essenziale o comunque viene ad essere fruito da una parte della cittadinanza che per ovvi motivi si sposta solo con quello.

Di certo la nostra cittadina non si distingue per fruizione del servizio pubblico di trasporto, la nostra maggiore vocazione è quella di muoverci con mezzi privati di qualsiasi genere, che per la maggiore delle volte possono ingolfare il traffico e causare ritardi.

Una breve indagine ci conferma come i mezzi di trasporto pubblico che circolano quotidianamente all’ interno della nostra città, non vengono presi solo da anziani e quindi una fascia d’età che supera i 65 anni, ma sempre più ci sono fruitori di età inferiore, da 40 anni in su e anche da ragazzi che si spostano dal centro storico alla zona nuova per arrivare ogni giorno a scuola. Sul funzionamento dei pullman di certo ci sarebbe molto da dire, e segnalazioni in merito ci confermano come per la maggior parte delle volte i mezzi non arrivano puntuali alle fermate preposte, o addirittura corse che vengono sospese. Un disservizio questo che di certo non solo colpisce la nostra città ma anche molti dei comuni siciliani e non solo.

Sul benessere dei pullman c’è tanto da chiedersi e capire se oggi questi mezzi sono veramente a norma per quanto riguarda l’inquinamento, scie di fumo molte volte vediamo da dietro che escono dai tubi di scappamento di molti mezzi. Certamente non siamo specializzati nel settore meccanico, e quindi non possiamo dare giudizi definitivi, ma di certo vedere determinate scene un po’ ci lascia preoccupati.

Altro tasto dolente, da come ci viene riferito, sono anche le possibilità di fruizione dei mezzi pubblici da parte di portatori diversamente abili e da madri che magari si spostano con figli e carrozzine. Certamente molte notizie in merito possono essere ingigantite o tanto più esasperate, ma come ci ricordano i nostri antenati vox populi vox dei, cioè un fondo di verità a questo dobbiamo per forza darla.

Una città come quella nostra che per conformazione geologica e per vocazione fortemente turistica non può avere nel trasporto urbano un tasto debole, in quanto viene meno uno dei principi alla base del turismo cioè l’accoglienza. Le cose si possono sempre migliorare e consapevoli che l’amministrazione che guarda sempre con occhio attento a quelli che sono i servizi e la viabilità e la fruibilità della nostra città, porrà molta attenzione a questo settore che diventa fondamentale per tutti noi.

Certamente la speranza di una Caltagirone più turistica e più innovativa e migliore da un punto di vista ambientale ci porta anche a noi cittadini che siamo sempre sopra le nostre auto o le nostre moto, a parcheggiarle e usufruire di più dei mezzi pubblici, con la speranza che questi possano migliorarsi e rendere la vita più semplice e meno stressata, almeno in questo.

È la seconda volta che pubblichiamo questo pezzo, senza sentire l’esigenza di dover cambiare anche una sola virgola, perché la situazione è rimasta invariata e questo desta parecchia preoccupazione. Avevamo ricevuto alcune chiamate in merito, affinché si chiarisse e si risolvesse il problema, avevamo dato la nostra disponibilità, ma nessun fatto ha dato seguito a quelle conversazioni telefoniche. Ci riproviamo.

Cosa ne pensi?