Caltagirone, partono i lavori di rifacimento della pubblica illuminazione per quasi 5 milioni di euro: si comincia con le vie Cristoforo Colombo, Sfere, Giorgio Arcoleo e col Villaggio Paradiso

Saranno consegnati dal Comune all’impresa venerdì 21 giugno, alle 10, nel corso di un incontro all’Ufficio tecnico, nell’ex Educandato San Luigi, i lavori per il rifacimento della pubblica illuminazione a Caltagirone, che cominceranno nei giorni immediatamente successivi alla consegna. Essi riguarderanno inizialmente le vie Cristoforo Colombo, Sfere, Giorgio Arcoleo e Villaggio Paradiso, per poi estendersi gradualmente al resto della città. Tutto ciò è riconducibile al recente decreto dell’assessorato regionale all’Energia che ha approvato la graduatoria delle operazioni ammesse e finanziabili nell’ambito di una specifica azione, fra le quali figura, in ottima posizione, rientrando pertanto fra i beneficiari delle risorse previste, il progetto presentato dal Comune di Caltagirone per l’adeguamento alla riduzione dei consumi energetici delle reti di illuminazione pubblica, che comporterà il passaggio integrale dall’attuale sistema, basato su lampade a ioduri metallici del tipo master color, al sistema led, con una consistente diminuzione dei consumi.

Diventa pertanto realtà un progetto consistente. Il suo importo complessivo è di 4.680.019 euro, coperti per 2.293.209 euro da fondi comunitari e per 2.386.809 dal partner privato Az Luce, concessionario dei servizi di manutenzione ordinaria e straordinaria della rete di pubblica illuminazione. I lavori interesseranno tutta la città, comprese le periferie e le frazioni di Granieri, Santo Pietro e Piano San Paolo e si concreteranno pure nella realizzazione di un impianto di videosorveglianza, nel controllo di qualità dell’aria, nell’installazione di totem informativi interni ed esterni e di sistemi di telecontrollo e telegestione.

“In questo modo, grazie alla consistente riduzione dei consumi  che potrà essere realizzata – afferma l’assessore comunale ai Lavori pubblici e vicesindaco, Sergio Gruttadauria – si avrà un notevole risparmio per il Comune, pari a circa il 50 per cento. I costi, infatti, passeranno da 1,4 milioni di euro a 750 mila euro all’anno. Non vanno inoltre trascuratiti i benefici che la comunità potrà avere anche in termini di salvaguardia dell’ambiente”. “Si tratta – sottolinea il sindaco Gino Ioppolo – del raggiungimento di un ulteriore, significativo obiettivo: quello dell’efficientamento energetico, che determinerà molteplici vantaggi, da un maggiore rispetto per l’ambiente a concrete economie per il bilancio comunale, a un’illuminazione intelligente. Di importanza non secondaria, inoltre, la ulteriore installazione di apparati di videosorveglianza che permetteranno di combattere con armi più efficaci il deprecabile fenomeno dell’abbandono dei rifiuti e maggiori controlli a tutela della nostra città”.

Cosa ne pensi?