Minacce e percosse alla fidanzata, arrestato all’Università di Catania

Fermato all’Università di Catania con ancora un coltello, aveva da poco picchiato e minacciato la fidanzata, anche lei iscritta nella stessa facoltà.

L’ultima aggressione, l’ennesima che la giovane vittima subiva da undici mesi, è avvenuta ieri, al Parco Gioeni. La ragazza si trovava con alcuni amici quando è stata convinta ad allontanarsi dal gruppo per recarsi con lui in un luogo più appartato.

Subito dopo si è verificato un litigio, quindi il fidanzato l’avrebbe presa a schiaffi, facendola cadere per terra. Solo grazie all’intervento di un passante l’aggressore ha desistito.

Le aggressioni verbali e fisiche si ripetevano da mesi e la ragazza, stanca, impaurita e segnata fisicamente dalle ultime percosse subite, si è recata al pronto soccorso dell’ospedale Cannizzaro in lacrime ed in evidente stato di agitazione.

I poliziotti in servizio nel presidio ospedaliero, trattandosi di un codice rosa con priorità assoluta, hanno attivato le procedure e un’immediata attività di indagine.

Il 29enne è stato rintracciato nell’università che i due frequentano ed è stato fermato e trovato in possesso di un coltello.

Sono scattate le manette per il giovane aggressore che dovrà rispondere per danneggiamento aggravato e indagato per i reati di lesione e minacce in danno della sua giovane fidanzata.

Foto articolo: immagine di repertorio

Cosa ne pensi?