Catania, arrestato un uomo che aveva kalashinikof e tritolo in casa

Condividi:

Nella serata di ieri, agenti delle Volanti e della Squadra Cinofili dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Catania, hanno arrestato  Coco Orazio catanese, classe ’78, responsabile dei   reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, di detenzione abusiva di armi comuni,   di detenzione di armi da guerra con relativi serbatoi e munizionamento e  di detenzione di materiale esplodente.

Grazie a delle indagini approfondite, i poliziotti hanno effettuato una perquisizione  nell’abitazione del Coco che si trova in zona Librino; l’uomo ha ammesso spontaneamente  di detenere all’interno di un armadio marijuana e hashish, per un peso complessivo di 844 grammi. Gli agenti, tuttavia, hanno trovato strano il comportamento  dell’uomo che si mostrava nervoso e agitato. Quindi, hanno proseguito con la perquisizione grazie alla quale sono stati rinvenuti 3 fucili di vario calibro, un  kalashnikov, un giubbotto antiproiettile e nove caricatori di diverso tipo.

Inoltre, la presenza di diverse pareti in cartongesso, ha destato ulteriore sospetto; i poliziotti  hanno deciso di far intervenire i colleghi della Squadra Cinofili che, grazie al fiuto dei cani anti esplosivo “Soan” e “Ultimo”, hanno rinvenuto  all’interno di un’intercapedine ricavata in una parete del bagno, un involucro contenente 10 candelotti di tritolo con relativi detonatori e miccia;  dietro un battiscopa della cucina erano anche nascoste  diverse scatole contenenti 659 cartucce.

Si è pertanto reso necessario l’intervento della Squadra Artificieri, che hanno messo in sicurezza i luoghi,  e della Polizia Scientifica che ha provveduto ai rilievi fotografici e dattiloscopici. ll Coco, pertanto, è stato condotto in Questura e, su disposizione del P.M. di turno, associato presso la casa circondariale di “Piazza Lanza” in attesa della celebrazione del giudizio di convalida.

 

Condividi:

Cosa ne pensi?