Modica, ristrutturazione della nuova sede Anffas

Condividi:

Era il 1999 e la neonata associazione Anffas Onlus Modica stabiliva la sua sede in un piccolo spazio di Via Circonvallazione Ortisiana.

Si trattava ancora di una piccola realtà, composta da pochi ragazzi con disabilità intellettiva e dai loro familiari.

In questi anni però, l’Anffas Onlus di Modica è riuscita a crescere: è cresciuta la sua visibilità nel territorio; è aumentato il numero dei volontari così come quello dei ragazzi disabili che quotidianamente vi svolgono attività; sempre più famiglie (socie e non) sanno di poter contare sull’associazione per ricevere informazioni e supporto; sono cresciute le ambizioni dell’Anffas stessa, che aspira a fornire servizi sempre più rispondenti alle esigenze del territorio.

Tutto questo necessità di spazi adeguati: l’Anffas, a fronte di sacrifici non indifferenti, ha ottenuto la disponibilità dei locali attigui alla propria sede ed è stato già realizzato un progetto.

Qualora si riuscisse a realizzarlo, l’Anffas riuscirebbe a raggiungere gli standard strutturali richiesti per i centri diurni, e a fornire ai suoi ragazzi servizi all’avanguardia: vi sarebbero infatti una palestra, un’infermeria con annessi spogliatoi, una cucina più spaziosa, persino una sala per il progetto piccoli  ed una sala conferenze, si potrebbero suddividere i ragazzi a seconda delle attività organizzandone di nuove in funzione delle specifiche ed individuali esigenze di ciascuno di loro (le idee non mancano, a differenza dello spazio).

Per raggiungere questo nuovo e ambizioso obiettivo l’associazione fa nuovamente appello alla generosità del territorio: è infatti partita su tutti i nostri canali social una nuova raccolta fondi denominata #RISTRUTTURAZIONENUOVASEDEANFFAS che servirà interamente a finanziare la ristrutturazione e l’ampliamento dei nostri locali.

Se ciascuno di noi riuscisse ad offrire anche solo una piccola cifra, l’Anffas riuscirebbe a realizzare quello che, in fondo, è sempre stato il suo scopo più importante: dare a ciascuno dei suoi ragazzi i giusti strumenti per fare nuove esperienze, acquisire nuove abilità, rendersi sempre più autonomo.

Condividi:

Cosa ne pensi?