Catania, rimpatriato cittadino albanese per inosservanza della normativa sui soggiorni di breve durata

Nell’odierna mattinata, la Polizia di Stato ha rimpatriato in Albania il cittadino albanese K. I., di anni 26.

In particolare la D.I.G.O.S. della Questura di Catania, nel corso della propria attività info-investigativa finalizzata a monitorare l’eventuale radicalizzazione di altri soggetti, si è imbattuta nel K.I. appurando che lo stesso da tempo era particolarmente accorto nel non trattenersi sul territorio nazionale oltre i 90 giorni previsti dalla legge.

Difatti, la normativa sui soggiorni cosiddetti di breve durata, prevede che gli stessi siano per motivi di studio, visite, affari e turismo.

Il predetto, invece, faceva ingresso e uscita in Italia costantemente dalla Frontiera marittima di Brindisi per ben altri motivi.

Da ultimo, tuttavia, il predetto straniero faceva scadere il termine di 90 giorni oltre il quale non ci si può trattenere senza esser titolare di permesso di soggiorno e che comporta come conseguenza l’espulsione, tant’è che l’ultimo ingresso risultava datato 31 maggio del corrente anno.

Nella giornata di lunedì, personale della DIGOS, una volta accertato che lo stesso dimorava in una modesta abitazione sita nelle campagne di Santa Venerina (CT), lo prelevava conducendolo negli uffici della Questura. Qui, l’Ufficio Immigrazione avviava l’iter per l’espulsione e gli notificava il decreto di espulsione da parte del Prefetto con contestuale divieto di fare rientro in Italia per tre anni nonché l’ordine del Questore di accompagnamento alla Frontiera. Nell’odierna mattinata, pertanto, personale della Questura catanese accompagnava lo straniero in aereo dall’aeroporto di Catania a Roma Fiumicino per poi imbarcarlo sul volo diretto a Tirana per il definitivo rimpatrio.

Cosa ne pensi?